Automania.it

Nissan - Auto Nissan Qashqai+2

Nissan Qashqai+2 suv
Nissan Qashqai+2
       1   2   3   

Nissan Qashqai+2

09/03/2008
Nissan Nissan Qashqai+2 è la versione rinnovata del modello Qashqai, con carrozzeria più lunga e dotata di sette posti, due in più rispetto alla vettura precedente. QASHQAI+2 intende sfruttare il successo del modello originale aggiungendo spazio e versatilità per creare un'auto che abbia appeal sulle famiglie. Funzionalità, versatilità e spaziosità sono i tratti distintivi della QASHQAI+2, la cui eleganza la differenziano dalle proposte tradizionali. Tra le modifiche estetiche apportate spiccano i finestrini laterali, più ampi, che permettono una maggiore luminosità degli interni. Ulteriore elemento di differenziazione è il nuovo portellone, oltre a una nuova ed elegante griglia sul davanti. Caratteristica di serie è l’ampio tetto panoramico in vetro.

I motori disponibili sono quattro di cui due benzina 1.6 e 2.0 16v (115 e 140 CV) e due diesel, con filtro antiparticolato di serie 1.5 dCi e 2.0 dCi (106 e 150 CV). Le due motorizzazioni più performanti, benzina e diesel, saranno disponibili anche con trazione integrale Nissan ALL-MODE. Il sistema ALL-MODE 4×4 permette una guida sicura delegando all’elettronica tutte le esigenze di trazione. Il dispositivo ha tre modalità di impostazione: 2WD, in condizioni di normalità; con Lock si passa alla trazione integrale permanente; infine, Auto, che delega la gestione della guida al sistema. Fra i dispositivi elettronici di sicurezza: sistema di controllo frenata in curva (CBC) e controllo ottimizzato del sottosterzo (EUC). La vettura sarà disponibile in tre diversi allestimenti: Visia, Acenta e Tekna. Il debutto commerciale in Italia è previsto per il mese di ottobre 2008.



Case automobilistiche

Clicca sul brand della casa automobilistica per consultare schede auto e news:

Volkswagen Peugeot BMW Nissan Alfa Romeo Mercedes-Benz

© 2018 Automania® è un marchio registrato - Testata Giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa presso il Tribunale Bari n. 405/2010