Automania.it

Alfa Romeo - Auto Alfa Romeo Stelvio

Alfa Romeo Stelvio suv
Alfa Romeo Stelvio
       1   2   3   4   

Alfa Romeo Stelvio

23/02/2017
Alfa Romeo Alfa Romeo Stelvio è il primo suv della gamma e si caratterizza per il design dinamico, emozionale e sportivo. La vettura garantisce il massimo livello in termini di comfort e versatilità, un elevato piacere di guida grazie ad una distribuzione equilibrata dei pesi. Le proporzioni esprimono compattezza, forza e dinamicità. Il look si caratterizza per la linea accattivante, perfetto mix fra tradizione, design e performance che da sempre identificano il brand. Il catalogo prevede nove differenti tinte e nove diverse misure per i cerchi in lega. L’abitacolo appare pulito, essenziale e realizzato con cura artigianale e materiali pregiati. Alfa Romeo Stelvio si caratterizza per i sofisticati sistemi di sicurezza, offerti di serie o a richiesta a seconda degli allestimenti.

Tra questi l’Integrated Brake System (IBS), un innovativo sistema elettromeccanico, il Forward Collision Warning e l’Autonomous Emergency Brake con riconoscimento pedone, il Lane Departure Warning, il Blind Spot Monitoring (BSM) con Rear Cross-Path Detection, il Cruise Control Adattativo. La gamma delle motorizzazioni include due propulsori 2.0 Turbo benzina da 280 CV e 2.2 Diesel da 210 CV, abbinati al cambio automatico a 8 marce e alla trazione integrale Q4.

La gamma sarà completata in seguito con altri propulsori tra cui il 2.0 Turbo benzina da 200 CV e il 2.2 Diesel da 180 CV, entrambi con cambio automatico a 8 marce e trazione integrale Q4. Il 2.2 Diesel da 180 CV sarà anche disponibile con trazione posteriore. In Italia la gamma offre tre allestimenti (Stelvio Business, Stelvio Super e Stelvio Executive).



Case automobilistiche

Clicca sul brand della casa automobilistica per consultare schede auto e news:

Volkswagen Peugeot BMW Nissan Alfa Romeo Mercedes-Benz

© 2018 Automania® è un marchio registrato - Testata Giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa presso il Tribunale Bari n. 405/2010