Automania.it

Notizie

Autopromotec, la ripresa economica riparte con l’assistenza alle auto


20/05/2015
di Grazia Dragone

Nel 2014 la rete di assistenza agli autoveicoli in Italia ingloba ben 116.948 aziende, con un tasso di crescita pari allo 0,6%

Autopromotec, la ripresa economica riparte con l’assistenza alle auto
[ Bologna, Emilia Romagna ] - Autopromotec apre i battenti nel quartiere fieristico di Bologna e punta i riflettori sul settore dell’assistenza e manutenzione degli autoveicoli. Secondo i dati tratti dal volume l’autoriparazione e i suoi protagonisti che è edito dall’Osservatorio Autopromotec e che sarà distribuito nei giorni dell’evento ai visitatori, nel 2014 la rete di assistenza agli autoveicoli in Italia ingloba ben 116.948 aziende, con un tasso di crescita pari allo 0,6%, rispetto al 2013.

Il trend positivo è il risultato di un minimo aumento del parco vetture circolanti, che dopo gli anni bui del 2011 e 2012, quando i livelli erano fortemente depressi, hanno visto una leggera crescita delle immatricolazioni diventate indispensabili per sostituire veicoli ormai completamente usurati.

Gran parte di queste aziende si dedica alle attività di manutenzione e riparazione. Si tratta di 83.460 officine (+0,8% sul 2013), mentre meccanici e motoristi sono 43.440 (+1,3%). Dall’inizio del 2013 la categoria dei meccanici motoristi si è fusa con quella degli elettrauto, indicatiseparatamente nella tabella di Autopromotec.

Dalla fusione tra meccanici, motoristi ed elettrauto è nata la nuova categoria dei meccatronici, che rappresenta il riflesso della profonda evoluzione innescata dall’aumento sempre più consistente di vetture che utilizzano moltissimi componenti elettronici e che hanno determinato quindi la nascita di una nuova e più specializzata categoria professionale.

La categoria dei carrozzieri, invece, non si è innovata, in quanto l’ambito lavorativo è rimasto sempre strettamente legato alla infortunistica stradale. Nel 2014 ha visto un incremento dello +0,2% rispetto al 2013. Anche i gommisti aumentano lievemente la loro presenza, passando da 6.325 aziende (2013) a 6.397 aziende del 2014, con un incremento dell’1,1%.

Infine, le aziende dedicate alle attività di manutenzione e riparazione delle officine dei Concessionari sono strutturate in modo da poter disporre sia di meccanici motoristi ed elettrauto, ma anche carrozzieri e gommisti.

Importanti seppur inferiori come numero rispetto alle altre categorie, sono i centri di revisione che contano nel 2014 7.776 (+2,7%) e che sono strutture private a cui lo Stato ha delegato la funzione del controllo periodico dell’efficienza degli autoveicoli. Vi sono poi le stazioni di servizio, 19.669 nel 2014, con un calo dell’1,5% e che risentono della mancanza di innovazione nel settore. Completano il quadro delle attività di supporto all’uso dell’auto gli autolavaggi, che nel 2014 erano 33.488 con una crescita dello 0,2%.

Secondo Renzo Servadei, amministratore delegato di Autopromotec, la rete italiana di assistenza agli autoveicoli è ben strutturata ed è pienamente adeguata per supportare la ripresa che si sta delineando per il mercato italiano dell’automobile.
News Correlate

Devi fare revisionare l’auto?: ecco cosa dice la legge Devi fare revisionare l’auto?: ecco cosa dice la legge
Poco più di 13.521.000 italiani nel 2016 hanno fatto revisionare l´auto. Quali le prospettive per il 2017?

Autopromotec 2015, una edizione da record Autopromotec 2015, una edizione da record
Autopromotec è la più specializzata rassegna internazionale di attrezzature e di aftermarket automobilistico, e questa è l’edizione dei record

Revisione auto? Addio ai vecchi timbri Revisione auto? Addio ai vecchi timbri
Dal 14 luglio, la procedura di revisione sarà online

Riparazioni auto: ecco le cifre Riparazioni auto: ecco le cifre
Gli italiani hanno rimandato le riparazioni non indispensabili. La spesa in officina ha comunque superata quella per l´acquisto di auto nuove

   [ Altre news correlate ]



© 2016 Automania® è un marchio registrato - Testata Giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa presso il Tribunale Bari n. 405/2010