Automania.it

Notizie

Dakar 2018: tra dune ed emozioni


08/01/2018
di Grazia Dragone

Al via dal 6 Gennaio la 40esima edizione del Rally Raid che apre il nuovo anno

Dakar 2018: tra dune ed emozioni
Ritorna l’appuntamento con le emozioni della Dakar, il rally più famoso nel calendario degli eventi, che per l’edizione numero 40 si svolgerà dal 6 al 20 gennaio sulle piste di Perù, Bolivia e Argentina.
La partenza è fissata a Lima, da qui in poi, in un percorso che si snoderà per circa 9000 km, si sfideranno gli impavidi piloti per giungere alla meta finale di Córdoba, in Argentina.

I partecipanti saranno chiamati ad una dura prova che li vedrà sfidare le insidiose dune del deserto peruviano, che testerà le capacità degli sportivi coinvolti nella competizione. Difficile anche il passaggio in Bolivia, che richiede buone doti fisiche per resistere alle difficili condizioni ambientali e climatiche.

Il pluricampione Marc Coma, ora direttore sportivo della Dakar, ha disegnato questo percorso che impegnerà i piloti in un crescendo di difficoltà. Saranno ben 337 i veicoli impegnati al via, tra appassionati e professionisti, tutti accomunati dall’obiettivo di giungere al traguardo finale.

Tra i partecipanti vi sono habitué come Stéphane Peterhansel, 13 volte vincitore della corsa, alla guida della sua Peugeot. A bordo di una Toyota Hilux troviamo cme pilota di punta Nasser Al Attiyah. Il Team X-raid schiera ben sette vetture. Le tre nuove Mini John Cooper Works Buggy sono pilotate dal finlandese Mikko Hirvonen, dall’americano Bryce Menzies e il saudita Yazeed Ali-Rajhi. Al volante delle Mini John Cooper Works Rally ci sono invece l’argentino Orlando Terranova, il polacco Jakub Przygonski e lo spagnolo Joan Roma.

Nella categoria moto troviamo KTM. La Honda si affida a Paulo Gonçalves e Joan Barreda e ai giovani Kevin Benavides o Ricky Brabec. La Yamaha presenta una nuova generazione di piloti con Adrian van Beveren, Franco Caimi e Xavier de Soultrait come piloti di punta.

Questa sarà l’ultima stagione prima che il regolamento della gara cambi in maniera radicale ed è l’ultima partecipazione del brand Peugeot. Dal prossimo anno le vetture che parteciperanno alla Dakar dovranno essere equipaggiate con le quattro ruote motrici e con un motore a benzina dalle specifiche tecniche uguali per tutti. Resterà la categoria dei buggy a 2 ruote motrici.

Ecco il calendario delle tappe in programma:

6 Gennaio Lima (Per) – Pisco (Per) 272 km
7 Gennaio Pisco (Per) – Pisco (Per) 278 km
8 Gennaio Pisco (Per) – San Juan de Marcona (Per) 502 km
9 Gennaio San Juan de Marcona (Per) – San Juan de Marcona (Per)444 km
10 Gennaio San Juan de Marcona – Arequipa (Per) 770 km
11 Gennaio Arequipa (Per) – La Paz (Bol) 758 km
12 Gennaio Giorno di riposo
13 Gennaio La Paz (Bol) – Uyuni (Bol) 726 km
14 Gennaio Uyuni (Bol) – Tupiza (Bol) 584 km
15 Gennaio Tupiza (Bol) – Salta (Arg) 754 km
16 Gennaio Salta (Arg) – Belén (Arg) 795 km
17 Gennaio Belén (Arg) – Chilecito (Arg) 484 km
18 Gennaio Chilecito (Arg) – San Juan (Arg) 722 km
19 Gennaio San Juan (Arg) – Córdoba (Arg) 904 km
20 Gennaio Córdoba (Arg) – Córdoba (Arg) 284 km
News Correlate

Dakar 2018: il punto della situazione Dakar 2018: il punto della situazione
Carlos Sainz sempre più vicino alla vittoria finale, Peterhansel in recupero

Vincitori della Dakar 2017. Eccoli Automania Answares Vincitori della Dakar 2017. Eccoli
Si è conclusa a Buenos Aires l’ultima tappa dell Rally Raid, ecco chi salirà sul podio

11° Tappa Dakar 2017, Goncalves per le bike e Loeb per le cars Automania Answares 11° Tappa Dakar 2017, Goncalves per le bike e Loeb per le cars
Nella penultima tappa Stephane Peterhanse e Sam Sunderland controllano le rispettive leadership

10^ tappa: vincono Barreda su KTM e Loeb su Peugeot 10^ tappa: vincono Barreda su KTM e Loeb su Peugeot
Dakar 2017, tappa fatale per Pablo Quintanilla su Husqvarna e Ricky Brabec su Honda. Ritiro per loro

   [ Altre news correlate ]



© 2016 Automania® è un marchio registrato - Testata Giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa presso il Tribunale Bari n. 405/2010