Automania.it

Volkswagen - Auto Volkswagen I.D. BUGGY

Volkswagen I.D. BUGGY prototipo
Volkswagen I.D. BUGGY
       1   2   

Volkswagen I.D. BUGGY

14/03/2019
Volkswagen La Volkswagen I.D. BUGGY si ispira alle dune buggy californiane degli anni sessanta. Sviluppata sull'innovativa piattaforma MEB, la vettura integra nel sottoscocca una batteria ad alta tensione agli ioni di litio che alimenta un motore elettrico da 204 CV (150 kW), montato nella parte posteriore. L'abitacolo dall’impostazione minimalista si distingue per la presenza di materiali impermeabili, inoltre la configurazione 2 posti può essere convertita anche nella versione 2+2 posti.

La carrozzeria costituita da una struttura composita di alluminio-acciaio-plastica è autoportante. Grazie alla sua struttura modulare, la parte superiore può essere staccata dal telaio. La ID. BUGGY è concepita per la guida su percorsi sterrati, dune, spiagge. Esteticamente si fa notare la linea del cofano cofano anteriore che sembra sospesa sul paraurti. Come il cofano anteriore, anche la parte laterale superiore della carrozzeria sembra fluttuare.

La sua linea scorre sulle ruote con cerchi da 18 pollici e pneumatici offroad. Il telaio del parabrezza rinforzato costituisce, insieme al rollbar, una struttura di protezione antiribaltamento. Non è previsto un tettuccio, ma come tenda parasole e leggera protezione dal maltempo è possibile tendere una copertura cerata nera tra il telaio del parabrezza e il rollbar Targa.

La propulsione a emissioni zero della è costituita dal motore elettrico integrato nell'asse posteriore, da un cambio monomarcia, dalla batteria ad alta tensione e dai gruppi supplementari integrati nella parte anteriore. Il motore elettrico sviluppa una potenza di 204 CV (150 kW).



Case automobilistiche

Clicca sul brand della casa automobilistica per consultare schede auto e news:

Volkswagen Peugeot BMW Nissan Alfa Romeo Mercedes-Benz

© 2015 - 2021 Automania® è un marchio registrato - Testata Giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa presso il Tribunale Bari n. 405/2010