Automania.it

Notizie

Cos´è un termostato auto e come funziona. Sintomi di usura del termostato


30/05/2023
di Domenico Scalera

Come effettuare una regolare manutenzione al termostato auto per evitare problemi al motore

Cos´è un termostato auto e come funziona. Sintomi di usura del termostato
Il termostato è un dispositivo importante dell’impianto di raffreddamento dei veicoli. Consente di regolare la portata del liquido di raffreddamento in base alla temperatura rilevata, con l’obiettivo di portare in tempi brevi il motore alla corretta temperatura di esercizio mantenendola pressoché costante. Adesso vediamo come funziona il sistema.

Il Termostato del liquido di raffreddamento denominato anche termo regolatore consente una continua commutazione del circuito di raffreddamento piccolo al circuito di raffreddamento grande (radiatore), e viceversa. Il termostato permette al motore di raggiungere rapidamente la sua temperatura di funzionamento e di mantenerla costante indipendentemente dal carico motore, dal regime di rotazione dei cilindri, dalla velocità del veicolo e dalla temperatura ambiente esterna.

La regolazione viene influenzata significativamente da:
» Consumo di carburante
» Composizione del gas di scarico
» Usura dei componenti meccanici, per strofinio e per le alte temperature raggiunte.
Il termostato può essere montato sia in un bocchettone del liquido refrigerante del motore, sia nel tubo di mandata o di ritorno.
Termostati Auto
Immagine dei termostati sul sito topautoricambi.it.

Termostati a doppia valvola
Sono disponibili anche termostati a doppia valvola denominati anche termostati a due vie, che attualmente sono i più utilizzati. Con l’aumento della temperatura questi termostati consentono di deviare la portata di liquido refrigerante dal circuito piccolo a quello grande tramite il radiatore, chiudendo il contatto di by-pass verso la pompa dell’acqua.

Nella immagine in alto è riportato un sistema di raffreddamento a circolazione forzata con termostato con materia dilatabile e valvola doppia in fase di avviamento a freddo.

Termostati a cera
Il termostato a cera utilizza un elemento in materiale dilatabile che consente di aprire e chiudere le valvole di comando. L’elemento di materiale dilatabile consiste in una capsula metallica resistente alla compressione riempita con materiale ceroso dilatabile. Sulla capsula viene montata una valvola che, a motore freddo, chiude il passaggio al radiatore.

Con la temperatura del liquido di raffreddamento a circa 80 °C, il materiale ceroso dilatabile nella capsula si fonde e aumenta il volume manualmente in maniera significativa. Questo comporta uno spostamento della capsula metallica sul pistoncino fisso, aprendo la valvola per il passaggio al radiatore e chiudendo contemporaneamente la valvola del condotto di by-pass.

Se la temperatura del liquido di raffreddamento si porta a circa 95 °C, il radiatore è completamente inserito. Al diminuire della temperatura, una molla spinge indietro la capsula sul pistone, chiudendo la valvola per il passaggio verso il radiatore e riaprendo contemporaneamente la valvola verso il condotto di by-pass. Grazie alla continua azione di apertura e chiusura alternata del termostato, la temperatura del liquido di raffreddamento oscilla in un intervallo molto ridotto, mantenendo pressoché costante la temperatura del motore.

L’elemento dilatabile lavora in modo indipendente dalla pressione che regna del sistema di raffreddamento ed è quindi in grado di garantire una forza sufficientemente elevata per il posizionamento delle valvole.

Guasto al termostato: come accorgersene
E se il termostato si rompe o eventualmente è bloccato o non funziona più bene?

Vediamo quali sono i principali sintomi di guasto o di rottura del termostato auto e quali problemi possono causare. Uno degli elementi critici è la Valvola Termostatica, che regola il flusso del liquido di raffreddamento, che può bloccarsi in posizione aperta o chiusa, se infatti rimane aperta si ha il flusso eccessivo del liquido di raffreddamento nel sistema, che non consente al motore di riscaldarsi adeguatamente. In questi casi il motore non riesce a lavorare alla temperatura ottimale, provocando ad esempio un maggior consumo di carburante e di conseguenza maggiori sostanze inquinanti di CO2. Potrebbe anche verificarsi una perdita del liquido di raffreddamento dal termostato, questo si verifica solitamente quando il liquido è in eccesso.

Al contrario se il termostato rimane bloccato con la valvola chiusa, non avviene la circolazione del liquido di raffreddamento, ciò comporta un surriscaldamento del motore con l’accensione della spia della temperatura sul cruscotto e l’attivazione continua della ventola di raffreddamento del radiatore. Di solito questi guasti al termostato auto si verificano a causa delle alte temperature esterne e quindi soprattutto nel periodo estivo.

Pertanto, per un termostato che non funziona correttamente i segnali sono comunque evidenti: o passa troppo tempo per raggiungere le temperature ottimali del motore, provocando una maggiore usura delle componenti meccaniche, oppure al contrario le temperature si raggiungono in tempi brevi, il che potrebbe portare a bruciare la guarnizione di testa e altri componenti a ridosso del motore.

Manutenzione del termostato auto
E’ fondamentale un corretto funzionamento del termostato. Per garantire il massimo della vita al motore e per verificare il corretto funzionamento della valvola termostatica bastano alcuni accorgimenti. Prima di tutto, è buona norma controllare la temperatura dell’acqua sul cruscotto che deve oscillare tra gli 80°C e gli 85°C.

Quanto più la lancetta resta costante nel tempo, tanto più vuol dire che il termostato funziona in modo corretto. Un altro metodo più efficace consiste, nello sporcarsi le mani, toccando con mano. Prima di agire è preferibile munirsi di un paio di guanti protettivi per non ustionarsi. E’ necessario aprire il cofano della macchina e appoggiare una mano sul manicotto superiore facendo attenzione a non toccare le parti in metallo che potrebbero essere roventi.

Se la valvola funziona bene il manicotto rimane freddo per un periodo per poi riscaldarsi velocemente successivamente. Se invece il manicotto resta tiepido allora la valvola rimane sempre aperta; al contrario se il manicotto non si riscalda ma la temperatura dell’acqua sale fino a segnalare la lancetta rossa sul cruscotto allora vuol dire che la valvola è costantemente chiusa.

I motori moderni riescono a resistere maggiormente al surriscaldamento, essendo il blocco e la testata realizzati con particolari leghe più resistenti e in grado di avere temperature più elevate di lavoro. Nei moderni veicoli quando il surriscaldamento diventa elevato si attiva il blocco generale della vettura proprio per evitare danni.

Suggerimenti su come sostituire la valvola termostatica
La sostituzione della valvola termostatica è un’operazione abbastanza semplice, ma sarebbe meglio affidarsi a degli esperti. Prima di tutto, dovete togliere il tappo del radiatore o del tubo di espansione e attaccare il tubo del liquido di raffreddamento. Scollegate il radiatore dal motore e quindi togliete anche il termostato. Inserite il nuovo termostato, ricollegate i tubi e infine reinserite il radiatore. Prima di montare la valvola ricordate di inserire il nuovo liquido refrigerante dopo aver rimosso quello vecchio.

Se si accende la spia del surriscaldamento è comunque sempre meglio fermarsi per lasciare raffreddare il motore, chiudendo l’aria condizionata. E’ comunque preferibile viaggiare di notte in quanto le temperature sono più basse.

Costo medio per la sostituzione di un termostato guasto
I termostati non sono molto costosi, di solito l’acqua di raffreddamento viene cambiata contemporaneamente. Un’officina può chiedere tra 120,00 e 400,00 euro mano d’opera inclusa per la sostituzione, il costo dipende dal veicolo e dalla qualità del termostato stesso. Mentre i pezzi di ricambio hanno un prezzo che oscilla tra € 15,00 e € 60,00.
News Correlate

Filtro olio Bosch: la giusta soluzione per garantire una lunga durata al motore Filtro olio Bosch: la giusta soluzione per garantire una lunga durata al motore
La mancata sostituzione regolare del filtro dell’olio è un errore che molti commettono

Mopar: arrivano nuovi kit per i motori Hemi Mopar: arrivano nuovi kit per i motori Hemi
Al Sema di Las Vegas Mopar presenta i Mopar Crate Hemi Engine Kits

Toyota a Parigi, in anteprima gli accessori TRD Performance Toyota a Parigi, in anteprima gli accessori TRD Performance
Premiere assoluta al salone parigino, i componenti sono disponibili per la prima volta in Europa in abbinamento alla sportiva GT86

   [ Altre news correlate ]



© 2015 - 2021 Automania® è un marchio registrato - Testata Giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa presso il Tribunale Bari n. 405/2010