Automania.it

Notizie

Auto: mercato italiano in frenata


29/11/2023
di Grazia Dragone

Aumento dei prezzi e dubbi sulle alimentazioni rinviano gli acquisti

Auto: mercato italiano in frenata
La instant survey di Areté: L'offerta di auto in Italia è in linea con la domanda del mercato? analizza ciò che spinge a rinviare il cambio dell'auto.
Secondo i dati emersi, 3 italiani su 4 non cambieranno la propria vettura nei prossimi 12 mesi. Le ragioni sono dettate dai costi e dall'incertezza sull'alimentazione da scegliere.

Un numero elevato di intervistati (83%) afferma una capacità di spesa pari a meno di 30mila euro, il 21% può scendere sotto la soglia di 10mila. Quest'ultima limita la possibilità di acquistare gran parte dei modelli disponibili e consente di guardare all'usato, che tuttavia ha registrato un aumento dei prezzi. Quasi la metà dei rispondenti (47%) cambierebbe la propria auto se i prezzi accessibili, mentre il 27% lo farebbe se ci fosse maggiore chiarezza sul futuro delle alimentazioni disponibili.

Areté (azienda leader nella consulenza strategica) rileva come 1 intervistato su 4 intenda cambiare la propria auto nei prossimi 12 mesi, acquistandone una nuova. Tra questi, il 38% dice di avere idee chiare su marca e modello da comprare, il 34% afferma di conoscere le proprie esigenze di mobilità e solo l'8% lo farà perché spinto dai potenziali blocchi della circolazione.

Ciò che frena l'acquisto è soprattutto il fattore economico: 4 su 10 (42%) ritengono i prezzi elevati, il 34% addebita la decisione alle incertezze sull'alimentazione da scegliere. Solo il 4% lo fa perché teme i tempi di consegna lunghi.

Alla domanda cosa cerchi in un'auto? 3 intervistati su 10 dichiarano un corretto rapporto qualità/prezzo e 2 su 10 ricercano bassi consumi. Seguono sicurezza (17%), comfort (13%) e affidabilità (1%). Tra le alimentazioni disponibili, l’ibrido sembra incontrare grandi consensi, in dettaglio, il 43%, mentre il 16% preferisce il diesel, il 15% il GPL, il 13% elettrica e benzina.

“I dati della nostra nuova instant survey”, sottolinea Massimo Ghenzer - Presidente di Areté, “rivelano che sul mercato automotive nazionale esiste un evidente disallineamento tra l'offerta di veicoli e la domanda. I prezzi del nuovo (e anche dell'usato) sono decisamente lievitati negli ultimi anni, rendendo l'auto un bene non facilmente acquistabile da ampie fasce di popolazione. In più il dibattito e le scelte assunte dalle diverse istituzioni a livello locale, nazionale ed europeo sulle alimentazioni frenano ulteriormente anche chi sarebbe pronto a sostituire la propria vettura. Il segmento di vetture medio-piccole oggi è scarsamente presidiato dai costruttori europei e costituisce un'opportunità per l'offerta di mobilità cinese sempre più presente sul nostro mercato. Qualcosa però sembra stia cambiando, come si evince dai recenti annunci dei car maker generalisti del Vecchio Continente che dichiarano per i prossimi anni un ritorno ai segmenti di ingresso alla mobilità”.
News Correlate

Citroen: i numeri del mercato italiano Citroen: i numeri del mercato italiano
Il double chevron ottiene dati di vendita positivi

UNRAE: focus sul 2021 UNRAE: focus sul 2021
Pubblicato il report sulla situazione del mercato auto

Mercato auto: i dati di aprile ancora in calo Mercato auto: i dati di aprile ancora in calo
Perdite ancora pesanti per il settore rispetto al 2019

Mercato auto: i dati di marzo Mercato auto: i dati di marzo
Le vendite sono cresciute del 497,2%

   [ Altre news correlate ]



© 2015 - 2024 Automania® è un marchio registrato - Testata Giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa presso il Tribunale Bari n. 405/2010