Automania.it

Notizie

Subaru BRZ coupé, torna il divertimento


06/08/2012
di Gianluca Maxia

Peso ridotto, baricentro basso, motore Boxer a benzina non turbo da 200cavalli e trazione posteriore, la nuova ricetta Subaru per il piacere di guida

Subaru BRZ coupé, torna il divertimento
Il progetto Subaru BRZ è partito nel febbraio del 2006 quando tecnici e designer Subaru iniziarono a pensare a realizzare una coupé con motore boxer. E fu allora che la Toyota si interessò al progetto, e pochi mesi dopo arrivò la richiesta ufficiale da parte di Toyota per una vettura sportiva a motore boxer con baricentro di gravità basso ed altezza da terra minima. E proprio da questa richiesta ufficiale di Toyota a Subaru ebbe inizio la join venture che ha poi portato avanti il progetto comune. L’inizio vide la realizzazione di un prototipo su base Subaru Legacy, accorciato nel telaio, sul quel fu sviluppata sia la Subaru BRZ che la Toyota GT86.

Per la Subaru BRZ è stato scelto un design da sportiva che presentasse un aspetto semplice e possente ed immediatamente riconoscibile come una Subaru. La configurazione del motore basso e gli sbalzi ridotti hanno permesso un aspetto sportivo e muscolare. La firma Subaru è costituita dall’ampia calandra inferiore esagonale che usa alette dritte per ridurre la resistenza in ingresso dell’aria e massimizzare le prestazioni di raffreddamento. Il design compatto e funzionale del gruppo faro con indicatori di direzione integrati e fari diurni a LED aumenta la sportività.Nella vista laterale è accentuato il tipico profilo a baricentro basso di una vettura sportiva.Il design della BRZ non è solo estetica ma c’è la ricerca della funzionalità, infatti le scelte stilistiche sono state fatte utilizzando i riscontri dei risultati delle prove di aerodinamica, come il valore Cx, la stabilità in curva, e anche i valori degli angoli alle estremità anteriori e posteriori della vettura attraverso la lunghezza del baule sino alla qualità delle superfici dei particolari della carrozzeria. Per quanto riguarda la parte posteriore, la forma del grande diffusore, che fornisce un senso di continuità con la copertura installato sotto il pianale, enfatizza le elevate prestazioni aerodinamiche.

l motore boxer anteriore ha una cilindrata di che eroga una potenza di 200 CV. La coppia massima di 205 Nm è disponibile a 6.400 giri/minutoGrazie soprattutto ad un telaio nel quale è stato fatto largo uso di acciai speciali ad alta resistenza, la Subaru BRZ coupé è particolarmente leggera, la bilancia fa registrare solo 1230 kg. Fattore che influisce positivamente nelle prestazioni dell’ottimo propulsore. Infatti il due litri le permette di ottenere le prestazioni che ci si aspetta da una sportiva di razza, la velocità massima è di circa 230 km/h, l’accelerazione da 0 a 100 km/h è coperta in 7,6 secondi circa, nella versione con cambio manuale. Il propulsore boxer è posizionato in basso e vicino al centro della vettura: rispetto alla Impreza MY12 il motore è più arretrato di 240 mm e 80 mm più in basso. Grazie all’abbassamento della posizione del motore, i tecnici Subaru sono riusciti ad installare il cambio, l’albero motore e il differenziale posteriore, pressoché in linea retta contribuendo all’abbassamento del baricentro.Nonostante l’abbassamento del baricentro la Subaru ha potuto mantenere un’altezza da terra della BRZ tale da permettere una buona praticità d’uso.Il motore di derivazione Subaru, si integra con il sistema D-4S Toyota: infatti, mentre Subaru ha sviluppato il nuovissimo motore boxer a cilindri orizzontali contrapposti, Toyota ha aggiunto la sua tecnologia D-4S, che combina l’iniezione diretta di carburante con quella indiretta. Il risultato di questa sinergia è un aumento dei cavalli e della coppia, una contemporanea ottimizzazione dei consumi e delle perfomance ambientali, mantenendo sempre quella fame di giri che caratterizza i propulsori a benzina non turbo di scuola giapponese.

Il prezzo al momento del lancio è stato volutamente fissato sotto i 30.000 euro. Gli interni della BRZ non obbligano il pilota a nessuna privazione, e sono discretamente confortevoli, anche se orientati al piacere di guida. I dispositivi elettronici sono il meglio in fatto di innovazione e comprendono tutti i dispositivi per la sicurezza attiva della vettura. La Subaru BRZ è un auto realmente facile da usare, con buona visibilità e tutti i confort moderni, però non bisogna dimenticarsi che è nata per gli appassionati della guida, per tutti coloro che non guidano la propria automobile ma la pilotano. Grande attenzione è stata posta nel soddisfacimento del concetto esteso di piacere di guida. Le pure prestazioni non sono state la sola cosa a su cui è stata posta l’attenzione, anzi, se si volesse descrivere la BRZ citando solo i numeri non si capirebbe la reale sportività di cui è capace questa vettura. Il vero asso nella manica della Subaru BRZ sono le emozioni che fa provare al suo pilota, basate sulla grande comunicatività del telaio e le tante informazioni che vengono date al pilota attraverso la corona del volante e il fondo del sedile del guidatore. La BRZ è un’auto che deve essere ascoltata, e il cui handling raggiunge livelli apprezzabili da veri appassionati e amanti della guida, tutto senza ricorrere a mega potenze e assurdi consti di gestione.
News Correlate

Subaru Impreza 2018: appuntamento a Francoforte Subaru Impreza 2018: appuntamento a Francoforte
La quinta generazione è pronta al lancio commerciale

Subaru BRZ tS, solo per il Giappone Subaru BRZ tS, solo per il Giappone
La vettura esprime la massima agilità grazie a soluzioni mutuate dal mondo del motorsport

Subaru BRZ: svelata l´anteprima delle Pleiadi Subaru BRZ: svelata l´anteprima delle Pleiadi
Arriva in veste definitiva la gemella della vettura Toyota GT 86, attesa anteprima del Salone di Tokyo 2011

La Subaru BRZ STI concept al Salone di Los Angeles 2011 La Subaru BRZ STI concept al Salone di Los Angeles 2011
La versione definitiva della nuova coupè sportiva a due posti debutterà invece al Tokyo Motor Show

   [ Altre news correlate ]



© 2018 Automania® è un marchio registrato - Testata Giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa presso il Tribunale Bari n. 405/2010