Automania.it

Notizie

Si Tuffono da 27 metri a Polignano a Mare per il Red Bull Cliff Diving


23/07/2017
di Maura De Sanctis

L’Idolo nazionale è Alessandro De Rose, che quest’anno cercherà il Podio dopo il 4° posto dello scorso anno

Si Tuffono da 27 metri a Polignano a Mare per il Red Bull Cliff Diving
[ Polignano a Mare, Bari ] - Per Alessandro De Rose, le scogliere del Gargano sono state l'ultima tappa del Red Bull Cliff Diving dello scorso anno dove il 25enne segnò il suo miglior risultato personale conquistando il quarto posto. Non da meno saranno le performance dei divers Alex De Rose nella tappa di oggi 24 luglio a Poligano a Mare. In gara anche la tedesca Anna Bader, che è tornata con un podio portoghese dopo una breve pausa ed il russo Artem Silchenko vincitore dell’edizione 2016 e che mira a una terza vittoria record a Polignano a Mare mentre il sei volte campione Gary Hunt, dopo la tappa delle Azzorre, non si sente al top a causa di un infortunio. L’americano ha difatti ammesso di aver commesso un errore di natura tattica, optando per un tuffo molto più difficile ed essersi fatto sopraffare dalla paura quando si è reso conto di non vedere le rocce, ma solo il cielo davanti a lui.

Alessandro De Rose è l'unico italiano a concorrere nel terzo turno della stagione 2017, che per arrivare in gran forma alla gara di oggi, ha iniziato il suo viaggio partendo da Trieste per poi cimentarsi in tuffi da capogiro lungo la costa ligure, in particolare toccando Porto Venere, patrimonio mondiale dell'UNESCO, il Canyon Park di Bagni di Lucca e il ponte alto 31 metri sul fiordo di Furore in costa amalfitana. L'atleta di Cosenza durante i suoi numerosi allenamenti è solitamente affiancato da un eccezionale subacqueo locale Pino Auber, che ha iniziato a fare immersioni all'età di 57 anni ed ha ottenuto molte vittorie Master ai Campionati Europei e Mondiali di High Diving.

“E’ fondamentale l’allenamento prima della World Series di Polignano, perché bisogna praticare i tuffi fino a quando il corpo memorizza ogni singolo movimento in modo che la tua esecuzione durante i concorsi diventi meccanica e la tua mente rimanga chiara”, spiega De Rose, “La possibilità di allenarsi costantemente è un vero privilegio che garantisce di arrivare alla gara ancora più preparato”. Sulla piattaforma di Polignano, anche oggi, Alessandro De Rose sarà incitato ed applaudito da un vasto pubblico, in una location naturale unica e meravigliosa.

La novità principale del campionato è la finalissima che avrà luogo a Lago Ranco, in Cile, dopo la tappa d’Italia, Stati Uniti e Bosnia ed Erzegovina. Dunque, appuntamento oggi a Polignano a Mare, tutti col naso all’insù per ammirare i campioni del Cliff Diving: in testa il messicano Paredes davanti all'azzurro De Biase per gli uomini mentre l'australiana Iffland guida nella gara femminile inseguita dalla tedesca Anna Bader e la statunitense Ginger Huber.
News Correlate

Rhiannan Iffland vince per le donne il Red Bull Cliff Diving Worls Series 2017 Rhiannan Iffland vince per le donne il Red Bull Cliff Diving Worls Series 2017
Soul podio anche Jaki Valente felicissima per la seconda posizione e Anna Bader terza

Alessandro De Rose accontenta il pubblico di Polignano a Mare e Vince Alessandro De Rose accontenta il pubblico di Polignano a Mare e Vince
Al Red Bull Cliff Diving 2017, il veterano Orlando Duque beffa Gary Hunt nella classifica assoluta e balza al comando

Red Bull Cliff Diving World Series 2016, vince Lysanne Richard per le donne Red Bull Cliff Diving World Series 2016, vince Lysanne Richard per le donne
Seconda Rhiannan Iffland, sul podio anche Rachelle Simpson. Spazio alla solidarietà a Polignano a Mare per la ricostruzione

Tuffo strepitoso di Artem Silchenko che conquista Polignano a Mare Tuffo strepitoso di Artem Silchenko che conquista Polignano a Mare
Al Red Bull Cliff Diving 2016 ottima la prestazione dell’Italiano Alex De Rose, che sfiora il podio arrivando quarto

   [ Altre news correlate ]



© 2016 Automania® è un marchio registrato - Testata Giornalistica on line iscritta nel Registro della Stampa presso il Tribunale Bari n. 405/2010